Flickr

Youtube



Il livello più alto della formazione universitaria

Il Dottorato di Ricerca è un corso che mira a fornire ai dottorandi una cultura scientifica e tecnica avanzata e a dotarli degli strumenti metodologici necessari per acquisire autonomia e rigore nella ricerca scientifica. Il conseguimento del Dottorato permette di  esercitare presso Università, Enti pubblici e soggetti privati, partecipando ad attività di ricerca altamente qualificata. Il corso dura almeno 3 anni solari,  rappresenta il livello più alto della formazione universitaria e vi si accede, tramite concorso per titoli ed esami, dopo la Laurea Specialistica o Magistrale. Presso l'Università Campus Bio-Medico di Roma, studenti meritevoli possono però essere selezionati per accedere al Dottorato anche durante la Laurea Magistrale, attraverso il percorso formativo del Graduate Program. Il Dottorato di Ricerca  equivale, anche se non ufficialmente, al titolo di Ph.D (Doctor of Philosophy) dei paesi di cultura anglosassone. Il Dottorato si struttura in una serie di corsi, che permettono di acquisire 180 crediti formativi di ricerca (CFR), e nell’elaborazione di una tesi originale.  Al termine del Dottorato si consegue il titolo di Dottore di Ricerca.

Requisiti di accesso

Può accedere al Dottorato di Ricerca, senza limitazioni di età e cittadinanza, chi è in possesso di una Laurea Specialistica o Magistrale oppure di un analogo titolo accademico conseguito all'estero e preventivamente riconosciuto dalle autorità accademiche, anche nell’ambito di accordi interuniversitari di cooperazione e mobilità.

Prove di ammissione

L’Università Campus Bio-Medico di Roma disciplina le prove di ammissione e assicura un’idonea valutazione comparativa dei candidati, tempi ristretti per l’espletamento e la pubblicità degli atti.

I bandi di concorso

I bandi di concorso per l'ammissione sono emanati dal Rettore, che ne cura la pubblicità, compresa la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. Nel bando di concorso vengono indicati:

  • il numero complessivo dei laureati da ammettere al Dottorato di Ricerca
  • il numero e l’ammontare delle borse di studio disponibili
  • i contributi a carico dei dottorandi e la disciplina degli esoneri
  • la modalità di svolgimento delle prove di ammissione

Il Rettore nomina poi, con proprio decreto, la commissione incaricata della valutazione comparativa dei candidati, composta da tre membri scelti tra professori e ricercatori universitari di ruolo, a cui si possono aggiungere al massimo due esperti, anche stranieri, scelti nell’ambito degli enti e delle strutture pubbliche e private di ricerca. Nel caso di Dottorati istituiti a seguito di accordi di cooperazione interuniversitaria internazionale, la commissione e le modalità di ammissione sono definite secondo quanto previsto negli accordi stessi.