L’accordo quadriennale sottoscritto oggi tra Università Campus Bio-Medico di Roma e CONI mette a disposizione degli atleti nazionali e degli aderenti al Comitato Olimpico le strutture del Policlinico Universitario. Previsto anche uno scambio di professionalità, con gli specialisti del Policlinico Universitario impegnati presso l’Istituto di Medicina e Scienza dello Sport del CONI e quelli del Comitato che presteranno la loro opera nella struttura di Trigoria. Stretta collaborazione anche su didattica e ricerca


Roma, 8 febbraio 2016 – Dopo il ‘sigillo d’oro’ della Joint Commission, il più prestigioso riconoscimento internazionale per la qualità e i servizi sanitari ospedalieri, il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico si fregia ora anche dell'alleanza con il Comitato Olimpico Nazionale Italiano. A conferma degli alti standard didattici, sanitari e di ricerca raggiunti in questi anni dall’Università Campus Bio-Medico di Roma, è arrivata oggi la firma dell’accordo-quadro con il CONI, di durata quadriennale, che avvia una stretta collaborazione tra le due istituzioni in campo assistenziale, didattico e scientifico.

Alla firma erano presenti, tra gli altri, il Rettore dell’UCBM, Andrea Onetti Muda, il Direttore Generale del Policlinico Universitario, Gianluca Oricchio, il Presidente del CONI, Giovanni Malagò e il Segretario Generale CONI, Roberto Fabbricini.

Questo accordo-quadro – commenta Onetti Mudas’inserisce nell’alveo delle alleanze strategiche della nostra Università e lo fa con un partner importante, di grande valore sociale ed etico. Poter condurre ricerche in ambiti di attività peculiari per il Comitato Olimpico Nazionale Italiano, quali la scienza dell’alimentazione, l’etica sportiva, i bio-materiali, costituisce per noi insieme un’opportunità e una sfida. L’agreement, inoltre, potrà aiutare i nostri studenti e ricercatori a crescere negli ambiti più importanti dello sport nazionale".

Saluto con soddisfazione la firma di un’intesa così importante e, sicuramente, proficua tra due eccellenze internazionali – sottolinea Malagò -. Oggi viene ribadita la mission del nostro Comitato Olimpico che pensa al presente, implementando i servizi offerti dal nostro Istituto e garantendo la migliore assistenza ai nostri atleti, e non tralascia il futuro, puntando decisamente sulla ricerca scientifica e la didattica, a conferma del nostro legame con il mondo universitario”.

Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico, con le sue oltre trenta Unità operative e specialistiche, metterà i propri professionisti a disposizione degli atleti impegnati nei prossimi Giochi Olimpici e della più ampia schiera di sportivi aderenti al CONI. Gli stessi specialisti del Policlinico Universitario saranno, inoltre, impegnati negli ambulatori dell'Istituto di Medicina e Scienza dello Sport del Comitato Olimpico, aperti anche al pubblico, dove i pazienti potranno usufruire delle prestazioni, in regime di ricovero presso il Campus Bio-Medico di Roma. Viceversa, presteranno la loro opera nelle strutture di Trigoria gli specialisti dell’IMSS del CONI. Sul piano dell’assistenza, le prestazioni del Policlinico Universitario comprendono visite specialistiche, interventi operatori e analisi di laboratorio.

L’intesa con il Comitato Olimpico – conclude Oricchiopunta a valorizzare al massimo le risorse disponibili, per elevare sempre di più l’asticella delle prestazioni sanitarie non solo agli sportivi e agli atleti che rappresenteranno l’Italia alle prossime Olimpiadi, ma a tutti i nostri assistiti. E questa per noi è già la medaglia più importante”.

L’accordo prevede, inoltre, lo sviluppo di programmi di ricerca, con finanziamenti anche di Enti terzi su temi inerenti la medicina dello sport, la scienza dell’alimentazione e della nutrizione umana, la scienza applicata allo sport, l’etica sportiva (doping, ma non solo), gli studi sui bio-materiali e il loro utilizzo nelle applicazioni cliniche.
 
Borse di studio potranno essere finanziate dal CONI a favore degli studenti dell’Università del Campus Bio-Medico di Roma, mentre lo stesso Comitato Olimpico potrà partecipare ai Comitati Università-Impresa promossi dall’Ateneo come ponte tra attività produttiva e di formazione.