Il lavoro di Andrea Marinozzi sull'intervento chirurgico per il piede piatto

16 novembre 2018 - Con lo studio “L’osteotomia di Cotton nella correzione del piede piatto acquisito dell’adulto”, il dott. Andrea Marinozzi, ricercatore dell'Unità di Ricerca in Ortopedia e ortopedico del Policlinico Universitario, ha vinto il premio “best poster” al 103° Congresso Nazionale della Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia (SIOT), che si è svolto a Bari dal 9 al 12 novembre.

Il piede piatto è una deformità complessa che, in età adulta, può essere correlata anche ad altre patologie come l’alluce valgo, le tendiniti o l’artrosi. Spesso è asintomatico per l’intero arco di una vita. Quando però si perdono i meccanismi di compenso del piede, può presentarsi in stadi iniziali con dolore e deformità spesso molto invalidanti. In questi casi il trattamento chirurgico diventa necessario.

“Con l’osteotomia di Cotton – spiega Andrea Marinozzi – è possibile riallineare il piede incidendo il primo cuneiforme, ovvero una delle ossa che costituiscono il fulcro della volta plantare. Utilizzata in circa 20 pazienti, questa tecnica chirurgica sta dando ottimi risultati sia funzionali che sul dolore”. L’intervento infatti non sacrifica nessuna articolazione e permette la ripresa funzionale in tempi relativamente brevi.