Il prof. Cavicchioli tiene un seminario agli studenti di Infermieristica in un'aula di UCBM.

Possibilità di Erasmus per studenti e di visiting programme per docenti e ricercatori

12 marzo 2018 - Una visita che inaugura un accordo bilaterale tra l'Università Campus Bio-Medico di Roma e la Scuola Universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI) quella del prof. Andrea Cavicchioli nell'ateneo romano. Da oggi saranno possibili scambi internazionali per professori e studenti con la realtà d'oltralpe: a inaugurare il nuovo corso è stato proprio il ricercatore di Infermieristica, già infermiere e caposala, che ha raccontato la propria esperienza sociale e lavorativa in alcuni seminari rivolti a docenti e studenti del Corso di Laurea in Infermieristica.

Cavicchioli ha illustrato la situazione della Svizzera italiana affrontando argomenti come l'organizzazione di reparto, la concezione del ruolo infermieristico, il salario della professione, le differenze tra il servizio sanitario e la formazione infermieristica italiani e quelli elvetici. Si è soffermato sui vari gradi di lauree (CAS, DAS, MAS) e specializzazioni (clinica generale, oncologia, geriatria, infermiere di famiglia, salute mentale, pediatria, gestione di reparto) del tipico infermiere svizzero. Ha inoltre fornito uno spaccato sulla qualità della vita e dell'assistenza sociale con riferimenti a leggi, diritti e doveri consentiti dalla nazione. "Si è trattato di un incontro interessante - ha detto una studentessa - che ha suscitato interesse ai fini dello svolgimento di un bando Erasmus prorio in una realtà così vicina ma al tempo stesso molto diversa dalla nostra".