Luciano Massone, manager FCA, insieme al prof. Roberto Setola, Ordinario di Automatica UCBM

Tra determinazione e umiltà: i segreti del successo del top manager FCA

24 maggio 2019 - Determinazione, coraggio, duro lavoro e un pizzico di umiltà. Sono questi gli ingredienti del successo di Luciano Massone, top manager di FCA, ospite del Caffè d’impresa promosso dal Career Service dell'Università Campus Bio-Medico di Roma con l’obiettivo di far avvicinare gli studenti al mondo del lavoro.

“Sana e serena aggressività, questo è il mio motto”, ha affermato Massone nel corso dell’evento aggiungendo che: “non si può pensare di vincere una regata se sei incerto su come fare una virata. Non c’è tempo di pensare, anche pochi secondi possono portare alla sconfitta. Bisogna giocare di attacco, senza farsi prendere dalla timidezza”.

Abruzzese di origine, Luciano Massone entra in FIAT nel 1981 in qualità di Manpower Manager, ricoprendo incarichi di crescente responsabilità fino a diventare World Class Manufacturing & Projects Director per la Region EMEA nel 2014.

Tra un aneddoto e l’altro Massone ha letto anche la lettera di assunzione scritta da Marchionne che ancora oggi i manager ricevono quando entrano a far parte del team FCA: “È una dichiarazione d’amore, dove le aspettative sono necessariamente alte, ma che rende l’idea che facciamo parte di qualcosa di esclusivo”, ha affermato con un pizzico di emozione.

Infine, intervistato dagli studenti, ha confessato di continuare a studiare ogni giorno e di accettare che nella vita si possano fare degli errori: “Il segreto è ammettere subito di aver sbagliato, in modo tale da poter riparare all’errore nel più breve tempo possibile. Poi bisogna sempre condividere tutto con il proprio team, analizzare quello che è successo e trovare una strategia per evitare che possa accadere ancora.”