Flickr

Youtube



L'assegnista di ricerca dell’Unità di Automatica ha vinto il premio nell’ambito della 13ª edizione dell’International Conference on Critical Information Infrastructures Security (CRITIS)

19 ottobre 2018 - La protezione dei dati che circolano in rete, la prevenzione e la capacità di reazione a catastrofi naturali o attentati, la distribuzione di energia in modo efficiente e sicuro o lo stato di sicurezza delle nostre città. Su queste tematiche si sono confrontati ricercatori e operatori europei attivi nel settore della sicurezza delle infrastrutture critiche di informazione, dal 24 al 26 settembre a Kaunas, in Lituania, nell’ambito della 13ª edizione dell’International Conference on Critical Information Infrastructures Security (CRITIS).

La conferenza ha ospitato anche il CIPRNet Young CRITIS Award (CYCA), premio dedicato ai più innovativi progetti di ricerca internazionale sulla sicurezza delle infrastrutture critiche portati avanti da giovani ricercatori.

La commissione internazionale ha valutato quale secondo miglior paper lo studio dell’ing. Luca Faramondi, assegnista di ricerca dell’Unità di Automatica UCBM, “Discovering vulnerabilities in heterogeneous interconnected systems” (Ricerca di vulnerabilità in sistemi eterogenei interconnessi).

Lo studio ha l'obiettivo di supportare la progettazione e la protezione delle reti identificando la presenza di criticità in modo da migliorarne la resilienza e l'operatività in caso di attacchi o malfunzionamenti.