Staged transthoracic approach to persistent atrial fibrillation (TOP-AF): study protocol for a randomized trial

Obiettivi del progetto

La fibrillazione atriale (FA) persistente è caratterizzata da molteplici differenti meccanismi elettrofisiologici di induzione. Questa eterogeneità è alla base della bassa percentuale di successi delle singole procedure di ablazione e dell’alta percentuale di ricorrenza della FA. L’ablazione chirurgia eseguita attraverso una toracotomia bilaterale ha sinora mostrato i risultati migliori nell’ambito delle procedure singole. Studi prospettici eseguiti in popolazioni non omogenee senza gruppo di controllo hanno riportato una percentuale di successi del 90% dopo procedure ibride o stadiate (ablazione chirurgica + ablazione trans catetere). Lo scopo di questo trial è di esaminare l’ipotesi che un approccio stadiato, caratterizzato in una iniziale ablazione chirurgica con approccio mini invasive della FA persistente, seguita da una seconda procedura percutanea in caso di ricorrenza, abbia un grado di successo maggiore rispetto a procedure cutanee ripetute.

Data di inizio e fine

Gennaio 2015 - Dicembre 2016

Responsabile del progetto

Prof. Massimo Chello – Professore straordinario

Istituzione coordinatrice del progetto

Università Cattolica del Sacro Cuore – Roma

Altre Istituzioni coinvolte

Università Magna Graecia - Catanzaro

Fonte/i di finanziamento

Università Cattolica del Sacro Cuore – Roma