Flickr

Youtube


Weekend sharing, per riscoprire Roma

Al via gli intervalli di cultura dedicati agli studenti UCBM

10 maggio 2017 - Tra le iniziative che hanno coinvolto la Cappellania nell'anno accademico 2016-2017, sono iniziati anche gli intervalli di cultura "Weekend sharing", attività pensata assieme ai rappresentanti degli studenti al fine di conoscere meglio la città natale di alcuni e la città ospitante di coloro che hanno deciso di studiare a Roma.

Finora tre sono stati gli appuntamenti a cui hanno partecipato decine di studenti. Il primo, l'11 marzo in via dei Fori Imperiali dal titolo "Le follie degli imperatori": un incontro dal carattere introduttivo, nel quale sono stati citati i grandi imperatori a partire da Augusto fino alla caduta dell'Impero Romano. Il secondo, svoltosi il 1° aprile nelle antiche basiliche di Santa Maria Maggiore, Santa Prassede e Santi Silvestro e Martino ai Monti, con l'intento di descrivere la nascita del cristianesimo in Europa e nel mondo, ha offerto la possibilità di osservare due reliquie: una parte della colonna dove si dice essere stato flagellato Gesú, custodita ai Santi Silvestro e Martino ai Monti, e una parte della culla dove è stato posto Gesú alla nascita, custodita nella cripta di Santa Maria Maggiore. Ultimo incontro, solo per il momento, è stato quello del 22 aprile nel Rione Monti, dove ciò che ha colpito maggiormente i partecipanti è stato il racconto legato alla salita dei Borgia, luogo che la leggenda dell'antica Roma vuole macchiato dal sangue di Servio Tullio. Qui, il re di Roma sarebbe stato fatto uccidere dalla figlia Tullia, che per essere sicura che il padre fosse morto passó sopra il suo cadavere con il carro diverse volte.

Ad accompagnare gli studenti negli incontri culturali in programma fino alla fine di maggio, Andrea Angelucci, ex studente di Scienze Infermieristiche dell'Università, nonché archeologo, in grado di trasmettere il valore dell'arte della città eterna ricollegandola agli eventi storici che sono stati fondamentali per lo sviluppo della città. "Siamo convinti che queste attivitá siano utili a farci capire che nella vita non basta studiare per formarsi nel settore professionale di interesse, ma che è importante cercare di mantenere sempre viva la curiosità e la sete di conoscenza, in qualsiasi campo", ha detto Valentina Giacinti, studentessa del secondo anno di laurea magistrale in Scienze dell'Alimentazione e della Nutrizione Umana. Il ciclo di visite non si è concluso: l'ultima sarà il 20 maggio a Trastevere, che ancora cela angoli di quella Roma sparita che provoca nostalgia a tutti i cittadini romani.