Due eventi per la cura del futuro del nostro Pianeta

di Martina D'Onofrio

30 settembre 2021 - Si è svolta anche quest'anno la Notte Europea dei Ricercatori e delle Ricercatrici organizzata da Frascati Scienza, lo scorso 24 settembre. LEAF, acronimo per “heaL thE plAnet’s Future”, è il filo rosso che ha unito tutti gli eventi in programma tra cui quelli organizzati dalla nostra Università con le Facoltà Dipartimentali di Ingegneria e Scienze e Tecnologie per l'Uomo e l'Ambiente.

Dalle ore 17 del 24 settembre UCBM ha aperto le porte dei propri laboratori di ricerca a famiglie e giovani interessati a partecipare ad attività sperimentali e dimostrative in ambito ingegneristico, delle scienze degli alimenti e della gestione di filiera agroalimentare.

Dalla sperimentazione di sistemi indossabili per il monitoraggio dei parametri fisiologici, fondamentale nei percorsi diagnostici e terapeutici di alcune patologie così come in ambito sportivo, alla possibilità di 'conoscere' il robot collaborativo che supporta gli operatori sanitari in ospedale. Non solo, i ricercatori UCBM hanno mostrato i primi prototipi di protesi di mano in stampa 3D ed esempi di applicazione di nanotecnologie in ambito biomedico, come lo sviluppo di dispositivi in grado di simulare il comportamento degli organi (organ-on-a-chip).

Spazio inoltre alla scoperta del potere antiossidante di alcuni alimenti attraverso l'analisi chimica. I ricercatori di Scienze e Tecnologie per l'uomo e l'Ambiente hanno mostrato il funzionamento di alcuni sensori con capacità discriminative per lo studio di prodotti come il succo d'arancia e il caffè. I partecipanti hanno quindi approfondito il potenziale delle molecole naturali attraverso l'estrazione di composti bioattivi da prodotti di scarto delle filere alimentari utilizzando solventi green, in un'ottica di riutilizzo e di basso impatto ambientale a sosetgno dell'economia circolare. 

>> Guarda il video