Flickr

Youtube



Come fare il salto evolutivo nella trasformazione digitale

31 marzo 2022 - "Viviamo in un contesto di tipo tsunamico in cui le tecnologie stanno portando dei cambiamenti esponenziali. Adesso la trasformazione digitale è diventata talmente tanto irreversibile che non può essere affrontata come cambiamento tecnico ma deve essere affrontata come cambiamento culturale." Con queste parole, venerdì 18 marzo, il dott. Gianluca MonteleoneSenior Advisor for Innovation and Digital Transformation, ha dato il via alla seconda edizione del Master in Digital Open Innovation & Entrepreneurship dell'Università Campus Bio-Medico di Roma. Realizzato in collaborazione con Marzotto Venture Accelerator, il master fa parte dell'offerta formativa post lauream promossa da UCBM Academy nell'ambito dell'Innovation & Sustainability Program pensato per costruire un vasto e inclusivo ecosistema formativo a supporto dei processi dell'open innovation, di acquisizione di competenze manageriali e dello sviluppo organizzativo. A dare il benvenuto ai nuovi partecipanti anche il prof. Roberto Guida, Direttore Scientifico del Master che ha sottolineato l'attualità e l'innovazione del corso proposto - "Con questo percorso puntiamo a formare nuovi leader dell’Open Innovation, per governare la trasformazione digitale all’interno delle migliori aziende del nostro sistema economico. I partecipanti avranno modo di confrontarsi con professionisti che operano quotidianamente sul campo e che metteranno a disposizione le esperienze maturate. Infatti, anche grazie all’analisi di case studies, gli allievi potranno avere una visione a 360 gradi sul ruolo determinante dell’Open Innovation Manager per le strategie di innovazione”.

In un'epoca di trasformazione assoluta dove tutto è cambiato e continua ad evolversi velocemente, occorre aumentare la velocità in cui viene rivoluzionata l'organizzazione che passa dalla closed alla open innovation. Ma come è possibile implementare questo nuovo paradigma strategico all'interno di un sistema già avviato? "All'interno dell'organizzazione occorre inserire una nuova figura professionale, quella dello Chief trasformation officer, che aiuti a disegnare una traiettoria definita di cambiamento e, al contempo, la sappia rendere sostenibile" ha spiegato il dott. Monteleone. Ed è proprio questo uno degli obiettivi di questo percorso: formare leader dell'innovazione aperta orientati alla gestione dinamica e adattiva del cambiamento organizzativo

"Nell'era della trasformazione digitale ogni settore deve fare un salto evolutivo e in Net Insurance abbiamo scelto di farlo" ha affermato il dott. Andrea Battista, Amministratore Delegato della compagnia assicurativa italiana. Questo intervento conclusivo ha permesso di conoscere da vicino un'azienda già avviata nel proprio settore che ha scelto di implementare il paradigma dell'open innovation. "L'entrata nel mondo digitale da parte del settore assicurativo sta creando un cambiamento molto rilevante: da un lato sta provocando una serie di complessità che rendono il viaggio difficile ma dall'altro genera infinite opportunità per chi individua mete e obiettivi specifici di crescita" ha dichiarato il dott. Battista. 

Il mondo dell'open innovation si prefigura quindi come un vero e proprio viaggio alla scoperta delle opportunità solo se si è disposti a un cambiamento radicale che richiede un regista in grado di governarlo. A questo prepara il Master in Digital Open Innovation & Entrepreneurship, offrendo la possibilità di conoscere e orientarsi nella forte accelerazione dello sviluppo tecnologico e la capacità di definire strategie di innovazione collaborativa abilitate dalle tecnologie digitali. Non solo, UCBM Academy propone diversi corsi executive finalizzati allo sviluppo delle competenze caratterizzanti le nuove figure professionali della transizione digitale:

"Tra vent'anni non sarete delusi delle cose che avete fatto ma da quelle che non avete fatto. Allora levate l'ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele. Esplorate. Sognate. Scoprite." cit. Mark Twain.