Master interuniversitario di II livello in "Diritto alimentare" (MIDAL) - Edizione 1

Un corso promosso con Università degli Studi Roma Tre, Università degli Studi della Tuscia e Accademia dei Georgofili, in collaborazione con AIDA (Associazione Italiana di Diritto Alimentare) e Mipaaf – ICQRF

SCADENZA ISCRIZIONI DATA INIZIO FREQUENZA BROCHURE ISCRIZIONE

30 dicembre 2018

25 gennaio 2019

Minimo richiesto:
70% lezioni

/

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il Master in Diritto Alimentare utilizza moduli didattici originali attraverso l’integrazione di competenze giuridiche e scientifiche e la cooperazione tra più istituzioni universitarie e istituzioni pubbliche e private operanti nel settore. Queste già da anni hanno dato vita a iniziative di alta formazione nell’ambito del Diritto alimentare (ad esempio, il Summer Seminar on Global Food Law and Quality di Pieve Tesino del luglio 2011; i Seminari Internazionali in cooperazione fra sei università partner italiane e sei università partners di altri Paesi europei - IP Erasmus Global Food Law and Quality del 2012, 2013 e 2014; le edizioni 2015-2016, 2016-2017 e 2017-2018 del Master di secondo livello in Diritto alimentare).

Grazie a questa consolidata esperienza e alla collaborazione degli atenei e delle istituzioni associate, oltre che di docenti ed esperti di fama internazionale, il Master rappresenta un luogo di eccellenza per l’insegnamento universitario e la formazione professionale in quest’area di esperienza giuridica.

Il corso propone uno studio critico della più recente legislazione alimentare, in prospettiva comparativa e con particolare attenzione agli orientamenti della giurisprudenza e dell’amministrazione. Il percorso formativo tiene altresì conto delle nuove linee disciplinari emergenti, con l’analisi e l’approfondimento delle proposte di riforma attualmente in discussione.

Destinatari e requisiti di accesso

Il Master è rivolto a laureati e professionisti in possesso di una laurea di II livello, quadriennale o quinquennale, oppure di titoli equivalenti, con preferenza per le seguenti classi di laurea: Classe LMG/01 Giurisprudenza a ciclo unico; Classe LM-63 Scienze delle Pubbliche Amministrazioni; Classe LM-61 Scienze della Nutrizione umana; Classe LM-69 Scienze e Tecnologie Agrarie; Classe LM-70 Scienze e Tecnologie Alimentari; Classe LM-6 Biologia; Classe LM-7 Biotecnologie; Classe LM-73 Scienze e Tecnologie Forestali ed Ambientali; Classe LM-75 Scienze e Tecnologie per l'Ambiente e il Territorio; Classe LM-56 Scienze dell'Economia; Classe LM-59 Scienze della Comunicazione Pubblica, d’Impresa e Pubblicità; Classe LM-77 Scienze Economico-Aziendali.

Il Comitato scientifico potrà ammettere al Master anche candidati in possesso di titoli di studio conseguiti all’estero, purché equivalenti a quelli sopra indicati, e candidati in possesso di titoli di studio equivalenti in classi diverse da quelle sopraindicate.

track_changesObiettivi formativi

Il piano formativo proposto, elaborato tenendo conto dell’esperienza maturata nelle precedenti iniziative, contiene moduli intesi a sviluppare conoscenze giuridiche specialistiche nell’ambito del Diritto Alimentare, in un’ottica di interazione con i profili scientifici e di mercato della produzione agro-alimentare. Il Master, per la sua articolazione, è particolarmente indirizzato a favorire l’alta formazione di chi già lavora o intende lavorare nella filiera agro-alimentare, in area giuridica, commerciale e tecnologica, sia nel settore pubblico che in quello privato, con compiti di gestione e/o consulenza, ovvero con compiti di controllo, verifica o certificazione.

Il Master ha come obiettivo principale quello di fornire ai partecipanti conoscenze giuridiche specialistiche, sia sistematiche che operative, nell’area del Diritto Alimentare, attraverso l’utilizzazione di un approccio multidisciplinare.

workProfilo d'uscita

Il Master intende offrire a giovani laureati la possibilità di acquisire competenze e conoscenze richieste da strutture pubbliche e private che operano nel settore agroalimentare, e permettere l’approfondimento e l’aggiornamento delle conoscenze nel campo del diritto alimentare ai professionisti del settore, compresi quelli che esercitano l’attività forense.

descriptionStruttura didattica e aree tematiche

L’impegno didattico richiesto è di 1500 ore complessive, per un totale di 60 crediti, così suddivise:

  • 50 CFU lezioni frontali, seminari ed esercitazioni
  • 6 CFU stages/tirocini
  • 4 CFU tesi.

La frequenza è obbligatoria per almeno il 70% delle ore di impegno. Il riconoscimento del titolo è subordinato all’effettiva partecipazione di ciascun allievo per una percentuale minima pari al 70% delle ore di impegno e al superamento delle verifiche intermedie per una percentuale minima pari al 60%.

buildTirocinio

Sono previsti tirocini di sperimentazione operativa.

accessibilityBorse di studio

È previsto l’esonero parziale dalle tasse e dei contributi per gli studenti con disabilità documentata pari o superiore al 66%, i quali sono tenuti al pagamento della sola prima rata e sono esonerati dal pagamento della II rata di iscrizione. Per usufruire dell’esonero è necessario allegare alla domanda di ammissione un certificato di invalidità rilasciato dalla struttura sanitaria competente indicante la percentuale riconosciuta.

 Titolo Rilasciato

Titolo congiunto tra le Università degli Studi Roma Tre, Università degli Studi della Tuscia, Università Campus Bio-Medico di Roma e Accademia dei Georgofili.

Informazioni
Avv. Giulia Dimitrio Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Segreteria AIDA Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.