Ufficiale da oggi il rinnovo dell’accreditamento da parte della prestigiosa Joint Commission International, che nelle scorse settimane ha passato al setaccio le strutture sanitarie, didattiche e di ricerca di UCBM, valutando la conformità agli standard internazionali di circa 1.300 diversi elementi misurabili

 
Roma, 12 luglio 2017 – Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico conferma la ‘stella’ della Joint Commission International (JCI), ottenendo da subito il rinnovo dell’accreditamento alla prestigiosa istituzione, che internazionalmente sottopone a severe verifiche i livelli di qualità e sicurezza delle migliori strutture sanitarie. Un riconoscimento attribuito solo alle realtà che accettino di presentare alle meticolose ispezioni dei controllori JCI le loro attività cliniche, didattiche e di ricerca, per verificarne l’aderenza agli standard internazionali.
 
Dopo aver conquistato il primo riconoscimento nel settembre del 2014, il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico riesce dunque nell’impresa – ben più impegnativa – di vedere confermati i risultati che ne avevano garantito l’accreditamento originario. Questa volta, per i dipendenti e le strutture di via Alvaro del Portillo, la survey dei valutatori provenienti da Chicago ha richiesto l’aderenza a circa 1.300 elementi misurabili, che sono stati attentamente vagliati e presi in esame dai surveyors. “Hanno passato in rassegna ogni angolo del Policlinico Universitario”, ha sottolineato il Direttore Generale della struttura sanitaria, María de la Viesca, al termine del periodo di valutazione.

La notizia dell’esito positivo certifica quindi, per la seconda volta, in modo imparziale e rigoroso, la qualità e le attenzioni che il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico ha messo in campo e continua a garantire ai pazienti e a chi quotidianamente opera all’interno delle sue strutture.
 
Il riconoscimento è stato ottenuto non soltanto per l’attività sanitaria, ma anche per la didattica e la ricerca svolta nel Policlinico. Per questo, il ‘sigillo’ è stato rinnovato al Policlinico Universitario in qualità di Academic Medical Center Hospital. Nella Capitale e nel Lazio è stato raggiunto finora – oltre che da UCBM – soltanto dall’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù.
 
Mi riempie d’orgoglio – è il commento del Direttore Generale del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico, María de la Viescavedere il grande lavoro di squadra che ha coinvolto indistintamente ogni servizio del Policlinico. Questa è per me la concreta dimostrazione di uno stile di lavoro che portiamo avanti ogni giorno al servizio dei nostri pazienti”. Una soddisfazione corroborata dai fatti, se nel debriefing finale, prima della partenza per gli Stati Uniti d’America, i valutatori avevano evidenziato come il giudizio 'parzialmente conforme’ fosse arrivato solo per 31 elementi, ottenendo così una qualifica di 9,77 su 10. Un esito che aveva fatto anticipare ai surveyors che avrebbero portato presso la sede della Commissione, negli USA, la raccomandazione al rinnovo immediato dell’accreditamento.
 
Poche settimane fa, il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico aveva ottenuto dati confortanti anche sul profilo degli indicatori del Piano Regionale per la Valutazione Esiti (P.Re.Val.E.), reso pubblico dalla Regione Lazio per certificare la qualità dell’assistenza sanitaria. In quel caso, per il Policlinico Universitario era stata indicata una tendenza di generale miglioramento negli esiti rispetto all’anno precedente, con valutazioni migliori rispetto alla media regionale in tutte e tre le macro-aree di valutazione e livelli ‘top’ sia per gli interventi di by-pass aortocoronarico che per quelli di sostituzione delle valvole cardiache.

"Considero di grande importanza la conferma dell'accreditamento JCI – sottolinea il Presidente di UCBM, Felice Barelache viene a coronare l'impegno per la qualità e la sicurezza di quanti operano in UCBM e si sono spesi per raggiungere questo bellissimo traguardo e ci incoraggia a proseguire su questa che è una precisa linea strategica della nostra istituzione".
 
L’accreditamento JCI avviene su base volontaria ed è in costante aggiornamento. Le strutture sanitarie, infatti, anche dopo aver superato le verifiche restano sotto stretta osservazione: gli standard JCI sono il frutto del consenso della comunità scientifica internazionale, vengono elaborati e aggiornati da una vera e propria task-force dell’organizzazione, per essere infine approvati da un Board internazionale.
 
Sono raggruppati in 14 macro-funzioni: obiettivi internazionali per la sicurezza del paziente; accesso all’assistenza e continuità delle cure; diritti del paziente e dei familiari; valutazione del paziente; cura del paziente; assistenza anestesiologica e chirurgica; gestione e utilizzo dei farmaci; educazione del paziente e dei familiari; miglioramento della qualità e sicurezza del paziente; prevenzione e controllo delle infezioni; governo, leadership e direzione; gestione e sicurezza delle infrastrutture; qualifiche e formazione del personale; gestione della comunicazione e delle informazioni.
 
Una check list ad alto indice di protezione del paziente, che dal 2014 certifica la qualità del servizio offerto dal Policlinico Universitario Campus Bio-Medico e per la quale i pazienti avranno una maggiore sicurezza nell’assistenza.