La nuova squadra accademica UCBM

In carica dal 1° novembre 2022

Oggi il Consiglio di Amministrazione dell'Università Campus Bio-Medico di Roma ha nominato la squadra accademica che lavorerà con il nuovo Rettore, professor Eugenio Guglielmelli, e che entrerà ufficialmente in carica dal 1°novembre 2022. Insieme a lui il Senato Accademico composto dai Prorettori e dai Presidi. La nuova squadra, completata dalle Giunte di Facoltà (Vicepresidi, Presidenti dei Corsi di Laurea e Coordinatori della ricerca e terza missione) guiderà l'Ateneo che oggi conta oltre 3.000 studenti, circa 500 medici specializzandi e più di 150 dottorandi, con 3 Facoltà Dipartimentali, 14 corsi di laurea, 26 scuole di specializzazione e un'ampia offerta di master e corsi post-lauream

In particolare, il Rettore sarà affiancato nel Senato Accademico da 3 Prorettrici: la prof.ssa Laura De Gara con delega alla Didattica, sarà anche Prorettrice Vicaria del Rettorela prof.ssa Simonetta Filippi con delega allo Sviluppo accademico integrato e la prof.ssa Sara Ramella con delega all’Integrazione e Impatto sociale. I Presidi saranno il prof. Vincenzo Di Lazzaro, per la Facoltà Dipartimentale di Medicina e Chirurgia; la prof.ssa Loredana Zollo, per la Facoltà Dipartimentale di Ingegneria; la prof.ssa Marcella Trombetta, per la Facoltà Dipartimentale di Scienze e Tecnologie per l’Uomo e l’Ambiente; completa la squadra il dott. Andrea Rossi, Amministratore Delegato e Direttore generale già in carica. Nomine che esprimono le direttrici strategiche del mandato del nuovo Rettore, che punta a rafforzare ancora di più la ricerca scientifica - Guglielmelli ha impresso una forte spinta alla crescita delle attività di ricerca da Prorettore alla Ricerca dal 2013 – come leva fondamentale della qualità distintiva anche della didattica, formazione continua e della terza missione in senso ampio.

“Il mio obiettivo – ha sottolineato il neo Rettore Guglielmelli – sarà quello di proseguire e rafforzare la stretta sinergia esistente tra le diverse aree delle scienze di base e sperimentali per dare ulteriore impulso alla ricerca, alla didattica e alla terza missione. Fondamentali nei prossimi anni saranno inoltre lo sviluppo della didattica innovativa, della multidisciplinarietà, dell’internazionalizzazione e della capacità di lavorare a stretto contatto con le imprese, per accelerare i processi di trasferimento tecnologico a supporto di una innovazione sostenibile. Il tutto all’interno di una visione del progresso scientifico attento all' ‘ecologia dello spirito’, che rispetti la centralità della persona e operi in stretta sinergia con gli obiettivi e le prospettive della Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-Medico.”. 

Per il presidente Carlo Tosti “la nascita della nuova squadra alla guida dell’Università rappresenta un'importante evoluzione nel segno della continuità: Eugenio Guglielmelli ha una conoscenza profonda della nostra università con quasi 20 anni di esperienza reciproca. Per questo sono certo che, nel ruolo di guida che si appresta ad assumere, continuerà a lavorare con competenza, slancio e spirito di servizio, forte di un chiaro indirizzo e una visione unitaria per continuare a sviluppare il progetto, ispirato dal Beato Álvaro del Portillo, che ha dato vita all’Università Campus Bio-Medico di Roma quasi 30 anni fa e che mette la persona al centro di tutte le nostre attività scientifiche, didattiche e di cura”. 

>> Classe 1965, Eugenio Guglielmelli è laureato in ingegneria elettronica con un PhD in Ingegneria Elettronica, Informatica e delle Telecomunicazioni. Dal 2003 insegna presso la Facoltà Dipartimentale di Ingegneria dell’Università Campus Bio-Medico di Roma e dal 2010 è professore ordinario di Bioingegneria Industriale. Dal 2021 è Coordinatore del corso di Dottorato Nazionale inIntelligenza Artificiale per la Salute e le Scienze della Vita. Dal 2021 è stato designato dal Ministero dell’Università e della Ricerca (MUR) rappresentante nazionale dell’Italia nel Comitato di Programma Horizon Europe - Cluster Health e da aprile 2022 membro della delegazione italiana del gruppo di lavoro G7 – Science. Da luglio 2021 è il Direttore Scientifico dell’IRCCS Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus. Suoi interessi di ricerca sono gli aspetti teorici e metodologici della bioingegneria, della robotica e delle macchine intelligenti, con particolare riferimento al campo delle tecnologie meccatroniche e robotiche per la riabilitazione e per l'assistenza ai disabili e agli anziani, della neuro-robotica, della bionica e della biorobotica. È autore di oltre 500 pubblicazioni scientifiche apparse su riviste, libri e atti di conferenze internazionali sui temi della bioingegneria e della robotica biomedica.

>> Scopri la nuova squadra accademica