Condividi

Nuovi approcci non invasivi per l'identicazione di biomarcatori di risposta al trattamento immunoterapico nel tumore del polmone non a piccole cellule

 

Obiettivi del progetto

Negli ultimi anni la terapia farmacologica del tumore del polmone non a piccole cellule in fase avanzata ha visto l’introduzione nella pratica clinica di nuove molecole rivolte verso specifici “immune check-points” (PD-1/PDL-1), capaci di riattivare la risposta immunitaria endogena contro il tumore. Questi agenti immunoterapici hanno notevolmente migliorato l’outcome dei pazienti in termini di sopravvivenza globale e con poche effetti avversi immuno-correlati. Tuttavia, vi è una parte dei pazienti che non risponde al trattamento immunoterapico e/o sviluppa tossicità immuno-correlate. Ad oggi l’unico biomarcatore utilizzato per predire l’efficacia al trattamento è l’espressione di PDL-1 sul tumore primitivo, ma non sempre risulta correlato ad un’effettiva risposta clinica. Pertanto, l’identificazione di biomarcatori non invasivi in grado di selezionare il paziente che beneficerà della terapia con agenti immunoterapici è di cruciale importanza e rappresenta il focus del progetto.

Il gruppo di ricerca di Elettronica per Sistemi Sensoriali del Campus Bio-Medico ha, recentemente, brevettato il “naso elettronico”, uno strumento di diagnosi in grado di effettuare analisi di precisione, non invasivo e a basso costo. Questa tecnologia è in grado di riconoscere, analizzando il solo respiro del paziente, un grafico elettronico dal quale si può evincere il suo stato di salute. Questo strumento ci consentirebbe di identificare profili di composti volatili dal respiro dei pazienti, potenzialmente associati alla risposta al trattamento immunoterapico.

Recentemente è stato osservato che la resistenza ai trattamenti immunoterapici possa essere attribuita anche ad una anomala composizione del microbiota del paziente. Pertanto, la varietà e la composizione delle specie batteriche che costituiscono il microbiota potrebbe predire il beneficio clinico al trattamento.

Il progetto si propone, quindi, di identificare nuovi biomarcatori di risposta all’immunoterapia utilizzando questi approcci non invasivi e ripetibili in corso di trattamento per consentire un costante monitoraggio dei pazienti.

Data di inizio e fine

Gennaio 2019 - in corso

Responsabile del progetto

Prof. Giuseppe Tonini
Prof. Daniele Santini
Dott. Francesco Pantano

Team di Ricerca:
- Dott. Michele Iuliani
- Dott.ssa Giulia Ribelli
- Dott.ssa Sonia Simonetti
- Dott. Marco Russano

Istituzione coordinatrice del progetto

Università Campus Bio-Medico di Roma

Altre Unità di Ricerca coinvolte

Unità di Elettronica per Sistemi Sensoriali, Università Campus Bio-Medico di Roma

Fonte/i di finanziamento

No profit

magnifiercrossmenuchevron-downchevron-leftchevron-right